Con cosa sostituiamo chi? - Cantello: prodotti e macchine per la pulizia disinfezione e igiene

News


Con cosa sostituiamo chi?

Ormai da qualche anno è entrata in vigore la normativa CAM che regola l’utilizzo dei detersivi nei luoghi pubblici. Scuole, uffici pubblici, ospedali, ecc. non possono più utilizzare detersivi o prodotti considerati pericolosi per la salute degli operatori e di chi frequenta le strutture. Tale normativa è piuttosto complessa e quindi cerchiamo di semplificarla.

I detersivi sono suddivisi in tre gruppi
- detersivi per uso quotidiano che devono essere ECOLABEL o a basso impatto ambientale
- detersivi speciali da utilizzarsi saltuariamente come i deceranti, gli sgrassanti forti o gli smacchianti per inchiostri.
- disinfettanti che devono essere necessariamente dei Presidi Medici Chirurgici

In base a questa semplificata suddivisione non possiamo più utilizzare come detersivo di uso giornaliero:
- candeggina
- ammoniaca
- alcool
- disinfettanti privi di Presidio Medico Chirurgico

CON COSA SOSTITUIAMO CHI?
Il discorso adesso diventa molto più complesso, pertanto dobbiamo innanzitutto considerare l’impiego che facciamo dei vari prodotti utilizzando una semplice tabella:


*Non può essere considerata un disinfettante, non è un detersivo in quanto non in grado di rimuovere nessun tipo di sporco, ci dà l’illusione di pulito svolgendo una azione sbiancante. I vapori possono essere irritanti soprattutto per gli asmatici e pericolosi per i bambini.


*E’ un prodotto leggermente alcalino e quindi teoricamente adatto per essere utilizzato su sporchi di tipo grasso. In realtà non contiene tensioattivi e quindi non può essere considerato un detersivo efficace.


*L’alcool non è un detersivo e non disinfetta, inoltre essendo infiammabile è vietato lo stoccaggio in edifici pubblici per qualsiasi quantità anche modesta (normativa antincendio).