L'igiene in piscina - Cantello: prodotti e macchine per la pulizia disinfezione e igiene

News


L'igiene in piscina


Quanto è importante l'igiene di una piscina? Molto, perché la pulizia degli ambienti di una piscina sono fondamentali per garantire la sicurezza e la salute di coloro che frequentano queste strutture.
Prendendo spunto da un articolo pubblicato sull'edizione estiva del periodico GSA, abbiamo individuato alcuni aspetti che ci siamo trovati ad affrontare quando abbiamo effettuato un intervento di pulizia straordinario presso una piscina in Torino.
Le aree a rischio individuate sono l’impianto di trattamento dell’acqua, l’impianto idraulico di distribuzione, la vasca natatoria. A nostro parere riteniamo altrettanto importante mantenere un adeguato livello di pulizia anche di tutte le superfici(pavimenti inclusi), quelle adiacenti alla vasca, quelle che portano alla piscina, così come le aree degli spogliatoi e docce. Non solo calcare e sporco in generale, ma soprattutto la formazione di muffe, funghi e la proliferazione di germi e batteri sono una delle maggiori problematiche legate ad una scarsa pulizia in un ambiente caldo e umido come una piscina.
La manutenzione di una piscina deve pertanto partire da una progettazione degli interventi adeguata, se possibile con interventi preventivi e in seguito ordinari così da ridurre al minimo i rischio di deposito di sporco, FUNGHI, MUFFE, GERMI E BATTERI. Periodicamente, se necessario, andranno ovviamente effettuati interventi straordinari.
Concentrandoci sul caso che abbiamo affrontato personalmente, ci è stato richiesto di coadiuvare i nuovi gestori di una piscina per poterla riportare ad un livello di pulizia idoneo, in quanto i precedenti gestori non avevano né fatto interventi preventivi, come rimuovere dei residui di cemento dovute alla posa delle piastrelle, né una manutenzione ordinaria corretta con attrezzature e detergenti effettivamente necessari.
La pavimentazione di tutta la piscina era composta da piastrelle ANTISCIVOLO la cui funzione è quella di creare maggiore attrito ed evitare spiacevoli incidenti a causa di cadute accidentali. Tale conformazione non permette all'acqua di defluire perfettamente, pertanto asciugando lascia incrostazioni di calcare, che se non trattate con attrezzature e detergenti adeguati portano a condizioni estreme come quelle trovate da noi.
Infatti le piastrelle della piscina erano incrostate di calcare, a cui si aggiungeva uno strato di sporco.


Situazione prima dell'intervento di pulizia straordinaria

Abbiamo così deciso di intervenire con un anticalcare forte, TOTAL AF DILUITO AL 10%, che lasciato agire per circa 5-10 minuti andava a disgregare le incrostazioni, quindi a rimuovere i residui con un TAMPONE ABRASIVO VERDE. Per ridurre i tempi di intervento abbiamo impiegato anche una monospazzola ORBITALE con DISCO ABRASIVO VERDE.


Residui di sporco dopo trattamento anticalcare

Dopo un primo passaggio che ha permesso la rimozione del calcare, le piastrelle mostravano evidenti macchie di sporco depositato, che abbiamo rimosso utilizzando un forte sgrassatore, il TOTAL SG. Anche questo prodotto è stato lasciato agire  così da poter disgregare lo sporco, farlo staccare dalle piastrelle, quindi abbiamo tolto i residui con un risciacquo finale.


Risultato finale

La pulizia effettuata è considerarsi straordinaria perché ha richiesto 4 giorni di intervento e spesso non è bastato un unico passaggio per poter rimuovere il calcare, lo stesso anche per lo sporco. Possiamo ritenere che prima non fosse mai stato utilizzato un anticalcare e che le superfici venivano pulite soltanto utilizzando acqua che veniva, forse, rimossa con uno spingiacqua. Agli attuali gestori abbiamo consigliato di utilizzare il DEORNET CLOR per la pulizia ordinaria con dosaggio al 3%, da risciacquare e una volta terminata l'attività sportiva cercare di rimuovere i residui di acqua con spingiacqua. Il DEORNET CLOR è un disinfettante PMC che va ad agire direttamente sui batteri, oltre ad essere un ottimo detergente svolge anche una fondamentale azione funghicida. Ancor meglio sarebbe avere in dotazione una lavapavimenti, che garantirebbe anche una buona asciugatura dell'acqua residua evitando formazioni eccessive di calcare.
Per quanto riguarda invece l'utilizzo di anticalcare TOTAL AF, consigliamo di effettuare un intervento settimanale per impedire un eccessivo risporco della superficie.
Seguendo queste indicazioni, si possono contenere i costi di gestione evitanto interventi straordinari, conservando il valore della piscina in termini di investimento e le idonee caratteristiche dal punto di vista igienico e di utilizzo.

Leggi articolo GSA


..............................................

Vai a Scheda TOTAL SG

..............................................

Vai a Scheda TOTAL AF